Ultimi Articoli

L'amore più bello che possa esserci

‘E’ entrato nella mia vita senza chiedere permesso’. Direi che l’arrivo di Krug è stato proprio così, lui è arrivato e ha deciso che sarebbe diventato protagonista in tutti i momenti della nostra vita, in negativo e in positivo.


E’ arrivato qualche giorno prima di Natale e ha iniziato subito a farmi capire che me ne avrebbe combinate di tutti i colori e non mi avrebbe lasciata tranquilla neanche se l’avessi pregato in cinese.


Il primo ostacolo, proprio come per i neonati, è stata la nanna. Lui dormiva tutto il giorno, preferibilmente in braccio a me o sulla brandina, mentre di notte se ne stava seduto a fissarmi e a piangere. Qui ho fatto un grosso errore: permettergli di dormire nel letto con me. Anche se da un lato dormire accoccolati e coccoloni, sopratutto nei mesi invernali, può essere quasi bello, esistono un sacco di lati negativi, citiamo in ordine sparso: lui è convinto che tuuuutto il letto sia suo e solo suo (quindi litighiamo costantemente), ci ha messo molto prima di imparare a dormire senza di me, lui è tranquillo solo se dorme su un letto ed, infine, le lenzuola sono da cambiare spessissimo.


‘Superato’ il problema notte, abbiamo trovato l’enorme scoglio della salute. Sapevo che i boxer possono avere grossi problemi di salute, ma non credevo di prendermi un mezzo catorcino con quattro zampe. La prima notizia è stata ‘Salve, il cane è displasico. Probabilmente deve essere operato o non camminerà più’. Da lì è iniziata una maratona fatta di visite, specialisti, lastre, corse al pronto soccorso veterinario, pagine e pagine web per capire cosa fosse meglio fare e 2 interventi. Fortunamente Krug è un tipetto tosto, ha superato tutto e per ora abbiamo scongiurato l’intervento più invasivo, nonostante tutto lui a 4 anni corre, salta e un po’ zoppica.


Passiamo poi all’argomento pappa? Il signorino è viziato, qua bisogna tirare le orecchie a mio papà, mangia quando vuole, ogni tanto salta, ogni tanto rompe le scatole perché vuole un biscotto (ma non i suoi, quelli buoni che uso io per far colazione), fa gli occhi languidi per farci pena e avere un pezzetto di cioccolato e tante altri vizi.


Certo dopo tutte questa sfilza di problemi mi chiederete ‘Se potessi tornare indietro, visti i mille problemi, Krug entrerebbe a far parte della tua famiglia?’ io vi rispondo ‘Si e ancora si’.

Krug mi ha sgranocchiato scarpe, giochi, pupazzi e libri. Mi ha svegliato nel cuore della notte per giocare, far pipì o semplicemente perché non voleva più dormire. Krug mi ha fatto prendere un sacco di spaventi, ma lo riprenderei con me mille e mille volte.

Niente può ripagare l’emozione della prima volta che mi ha abbaiato o quando mi sveglia alla mattina mordendomi il naso. Tutti gli sforzi valgono le corse con un giocattolo in bocca ogni volta che torno a casa o sapere che lui fa compagnia a mio papà ogni sera mentre io non ci sono. Oppure mentre gioca con suo fratello gemello o lecca la mano del mio nipotino e lo fa ridere a crepapelle. Insomma è la cosa più bella che mi sia mai capitata nella vita. 



Proprio per questo ho accettato volentieri di partecipare al progetto di Purina ‘Il mese del cucciolo’, perché i cani sono una fonte inesauribile di amore, ma bisogna essere pronti a tutto. Dal non dimenticare mai il libretto sanitario a casa, e per questo può aiutarvi l’applicazione 'Il mio cucciolo' dedicata per memorizzare tutto sul vostro smartphone, a come insegnargli il ‘fermo’ o il ‘resta’ utili per educarli sia nel rispetto delle persone che degli altri cani.

Se state pensando di prendere un cucciolo, tenetevi pronti a ricevere un sacco di amore e preparatevi ad emergenze di qualsiasi tipo: sono bravissimi a mettersi nei pasticci. 

Guarda anche

0 commenti