Ultimi Articoli

MAX FACTOR - Liquid Effect Pencil

Un po' di tempo fa ci sono state inviate da provare le nuove matite Max Factor: le Liquid Effect Pencil.
Ci ho messo un po' a dacidermi a recensirle, ma ora è giunto il momento.

Le Liquid Effect Pencil sono matite per occhi non automatiche a mina morbida, protette da tappino trasparente e dotate di gommino di silicone sagomato per sfumare.
Sono offerte in 5 diverse colorazioni:
- Green Glow (verde acido metallizzato)
- Black Fire (nero glossy)
- Silver Spark (grigio piombo metallizzato)
- Violet Voltage (viola metallizzato)
- Brown Balze (marrone scuro)

Il prezzo dovrebbe essere di 8,20 euro, nella media direi.

Io ho provato le tonalità Black Fire e Violet Voltage, molto differenti tra loro nonostante facciano parte della stessa linea.




Black Fire: Mi piace! Se fosse automatica la sostituirei al volo con la mia fedelissima Long Lasting Eye Pencil di Essence.
Primo: questo nero è qualcosa di fantastico: pieno, coprentissimo, rimane glossy anche dopo ore che lo si ha addosso (quella della Essence dopo un po' ha un effetto un filo "spento").
Premettendo che non ho gli occhi molto lacrimosi, questa è decisamente scrivente sia all'esterno che all'interno, lascia una traccia bella marcata senza dovere insistere troppo.
La durata mi ha stupito parecchio, la prova del 9 l'ho fatta venerdì: mi sono truccata alle 6 di mattina e alla una di notte non si era spostata di un millimetro, ma solo un po' scolorita nella rima interna.
La cosa che in questa matita batte quella di Essence è il suo essere modulabile: si può passare da una linea netta ad una sfumata anche dopo parecchio tempo dall'applicazione, mentre la Long Lasting lì è, lì rimane.
Per ora l'unico difetto della Black Fire è che mi tocca temperarla, cosa che odio XD

Violet Voltage: Per questa lei ci vuole un discorso a parte, è una matita complicata...
Partiamo con un piccolo commento sul colore: quando io penso al viola, non penso a questo violetto con sottotono tortora metallizzato, ma glielo concedo perchè è una tonalità molto particolare.
La durata è di poco inferiore a quella della collega, ma all'inizio l'effetto può lasciare un po' di perplessità. Nel senso: per scrivere scrive, ma il colore abbastanza chiaro e la cangianza non aiutano a rendersene conto XD
All'esterno non è male, la linea rimane evidente e marcata.
All'interno cambia completamente: la traccia è più leggere e meno evidente, ma a me non dispiace per nulla. Io la uso quando non voglio fare una riga marcata all'interno dell'occhio, ma voglio comunque sottolineare lo sguardo con una traccia vedo/non vedo.
Nella rima interna devo ammettere che il colore non è molto decifrabile, ma si intuisce quel poco che basta per evitare l'effetto nude.



In conclusione: le Liquid Effect Pencil sono molto buone, ma se fossero state automatiche le avrei preferite di gran lunga.
Se avete gli occhi non particolarmente lacrimosi vi consiglio di provarle, mentre se siete come G tenetevi pure i soldi in tasca perchè non fanno per voi.
La Black Fire diventerà una mia fedele compagna di avventure, mentre la Violet Voltage non credo proprio che la ricomprerei, diciamo che l'ho usata giusto per potervela recensire e swatchare.
Gli altri colori non credo che li proverò perchè non mi ispirano particolarmente.
In definitiva, la Black Fire va sul podio, il resto si vedrà XD


*L*

Guarda anche

7 commenti

  1. Occhi lacrimosi (esco di casa la mattina presto e d'inverno ho un occhio che reagisce particolamente male all'aria fredda) quindi :-(
    La nera però mi sarebbe piaciuta!

    RispondiElimina
  2. Purtroppo con gli occhi lacrimosi queste matite non combinano una mazza :S
    Le abbiamo provate sia io che Gaia, su di me scrivono mentre su di lei nada, quindi cambia molto da persona a persona.
    Cmq si, la nera è micidiale! XD

    *L*

    RispondiElimina
  3. quella nera sembra meravigliosa, mi hai fatto venire voglia di provarla!

    RispondiElimina
  4. Buuuuh non fanno per me. La rima interna del mio occhio sembra rigettare qualsiasi cosa che non siano le matite Urban Decay (stica, viziate e pretenziose, le mie rime interne!), ed in più c'ho l'occhio lacrimoso (o lacrimevole?), anche se da quando non uso più le lenti a contatto le cose son molto migliorate.

    RispondiElimina
  5. Per essere un viola è veramente molto strana, la nera invece è molto bella.

    RispondiElimina
  6. la viola è proprio particolare ma...mi piace!

    RispondiElimina